Articoli e approfondimenti:    IL VENTO DI BORA E LA SUA ORIGINE
 

Molti di Voi avranno spesso sentito parlare del vento di Bora, quel vento freddo e impetuoso che soffia sovente nei mesi invernali nel golfo di Trieste e che rende insidiosa e pericolosa la vita quotidiana di molti Triestini, quante volte abbiamo visto i pedoni camminare a fatica a causa delle violente raffiche di vento. Ma di preciso cos’è la Bora quali sono le sue origini, cerchiamo con poche righe di spiegare questo fenomeno. 

La Bora è un vento continentale secco e molto freddo la cui origine e da ricercare nell’altopiano Carsico per poi tuffarsi nel mare Adriatico. Essa è dovuta essenzialmente alla configurazione geografica molto particolare della città. Trieste è, infatti, situata fra l'estremità di un mare relativamente caldo, che si inoltra nel continente, ed un elevato e freddo retroterra con un valico aperto sul golfo della città. Questa situazione produce fra le due zone, mare e retroterra, la possibilità di formazione di forti differenze di temperatura e di pressione atmosferica, per cui ne possono conseguire frequenti e intensi deflussi di masse d'aria dal retroterra al mare.

Se la differenza di pressione viene esaltata dal transito di una depressione (ciclone) sull'Adriatico, o dalla formazione di una zona di alta pressione (anticiclone) sull'Europa centro-orientale, oppure dalla contemporanea presenza di una depressione sul mare e di un'alta pressione sul continente, allora il flusso d'aria discendente assume velocità elevate e caratteri di impetuosità.

La Bora può essere “Chiara” o “Scura”, se il cielo è sereno si ha la “bora chiara”, se invece è sovrastata da formazioni nuvolose sciroccali si ha la “bora scura”

La bora chiara è detta anche “anticiclonica” in quanto è sostanzialmente determinata da alte pressioni formatesi sul retroterra continentale. Quella scura invece è detta “ciclonica”, perché generalmente dovuta al passaggio di depressioni sulla Penisola italiana e sul mare Adriatico.
(E.Buonaguidi)


 12 Gennaio 2005 ore 00:00
Articolo letto: 18857 volte


www.meteorete.it