articoli:  

L'aurora boreale

 
29 Aprile ore 9:00
aurora boreale
 

L'aurora Boreale è uno dei più bei fenomeni che si possono osservare nell'alta atmosfera, normalmente al di sopra del settantacinquesimo grado di latitudine, ma a volte si estende fino alle latitudini medie. Le aurore polari si manifestano contemporaneamente nei due emisferi e prendono nome di aurora boreale nell'emisfero nord e di aurora australe nell'emisfero sud. 

Le aurore sono state osservate fin dai tempi antichi e per il loro strano modo di manifestarsi e la loro bellezza hanno indotto l'uomo ad attribuirne significati e spiegazioni spesso fantastiche. In poche parole cercheremo di spiegarvi l’origine reale di tale fenomeno. 

Le Aurore sono generate da particelle elementari emesse dal Sole le quali, arrivando in prossimità della Terra, vengono deviate dal campo magnetico terrestre e attratte dai suoi poli; quando penetrano nella ionosfera, dove i gas sono rarefatti e ionizzati, interagiscono con l'azoto e con l'ossigeno che, eccitandosi, emettono i loro spettri caratteristici. colore della luce è variabile, rosso, verde, bianco ecc. e può variare nel tempo, così come possono variare, anche molto rapidamente, le zone del cielo che sono maggiormente interessate dalla luce 

Durante le fasi di massimo del ciclo solare aumenta notevolmente la probabilità di osservare aurore boreali, anche alle medie latitudini. In Friuli-Venezia Giulia ne è stata osservata una nel 1999.

 

Le aurore polari non sono solo un fenomeno spettacolare, ma hanno anche dei risvolti negativi. Le interazioni tra il vento solare e il campo magnetico terrestre producono delle considerevoli alterazioni della ionosfera e ciò compromette notevolmente le comunicazioni tramite onde radio. Spesso si verificano anche ingenti danni ai sistemi di trasporto dell'energia elettrica, per esempio linee elettriche. I danni sono più frequenti e gravi nelle regioni circumpolari ove i fenomeni che generano le aurore sono più intensi.

 


Articolo letto:  volte


www.meteorete.it