Riscaldamento globale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anomalia media della temperatura atmosferica a terra e della superficie dei mari negli ultimi 150 anni

Riscaldamento globale (global warming nella letteratura scientifica in inglese) è un'espressione usata per indicare, relativamente alla storia climatica della Terra, le fasi di aumento della temperatura media dell'atmosfera terrestre e degli oceani dovute a cause naturali (cicli solari, moti della Terra, variazioni dei gas atmosferici,...). Molto spesso l'espressione viene erroneamente usata come sinonimo di surriscaldamento climatico che al contrario indica il contributo antropico al riscaldamento del clima registrato nell'ultimo secolo. Spesso le due espressioni sono utilizzate in relazione ai mutamenti climatici.

Secondo quanto riportato dall'Intergovernmental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite (IPCC), la temperatura superficiale globale del pianeta sarebbe aumentata di 0,74 ± 0,18 °C durante gli ultimi 100 anni, fino al 2005[1][2].

L'IPCC ha inoltre concluso che «la maggior parte dell'incremento osservato delle temperature medie globali a partire dalla metà del XX secolo è molto probabilmente da attribuire all'incremento osservato delle concentrazioni di gas serra antropogenici»[3][4] attraverso un aumento dell'effetto serra. Viceversa i fenomeni naturali come le fluttuazioni solari e l'attività vulcanica hanno contribuito marginalmente al riscaldamento nell'arco di tempo che intercorre tra il periodo pre-industriale e il 1950 e hanno causato un lieve effetto di raffreddamento nel periodo dal 1950 all'ultima decade del XX secolo[5][6].

Queste conclusioni sono state supportate da almeno 30 associazioni e accademie scientifiche[7], tra cui tutte le accademie nazionali della scienza dei paesi del G8[8][9][10]. Attualmente il dibattito è comunque ancora aperto all'interno della comunità scientifica dove diversi scienziati[11] si sono opposti a questa interpretazione dei dati climatici attualmente disponibili[12], sebbene la grande maggioranza di coloro che si occupano di mutamenti climatici siano in accordo con le conclusioni principali dell'IPCC[13][14].

Per il futuro, le proiezioni del modello climatico riassunte dall'IPCC indicano che la temperatura media superficiale del pianeta si dovrebbe innalzare probabilmente di circa 1,1 °C - 6,4 °C durante il XXI secolo[3]. Questo intervallo di valori risulta dall'impiego di vari scenari sulle emissioni future di gas serra, assieme a diversi valori di sensibilità climatica. Benché molti studi riguardano l'andamento nel XXI secolo, il riscaldamento e l'innalzamento del livello dei mari potrebbero continuare per più di un migliaio di anni, anche se i livelli di gas serra verranno stabilizzati. Il ritardo nel raggiungimento di un equilibrio sarebbe dovuto alla grande capacità termica degli oceani[3].

Indice

[nascondi]

Cause del riscaldamento

Il mantenimento della temperatura della biosfera terrestre attorno a valori medi adatti alla vita è dovuto principalmente all'azione combinata di quattro fattori:

  1. Calore interno del pianeta
  2. Irraggiamento solare, che fornisce l'energia per l'effetto serra
  3. Presenza dell'atmosfera, che attenua gli sbalzi di temperatura giornalieri e stagionali
  4. Effetto serra naturale, che amplifica l'effetto termico dell'irraggiamento solare

La variazione quantitativa di uno o più di questi fattori può causare un riscaldamento globale o raffreddamento globale dell' atmosfera e superficie terrestre.

Gas serra nell'atmosfera [modifica]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Effetto serra.
Variazione della temperatura globale, rispetto alla media, negli ultimi 2000 anni in base a modelli di vari autori
Andamento dei valori di temperatura globale (in rosso) e dell'anidride carbonica presente nell'atmosfera (in blu) negli ultimi 1000 anni.

Nell'attuale fase di riscaldamento del pianeta si sta assistendo ad una variazione significativa di un importante fattore che influenza la temperatura terrestre, ovvero la concentrazione atmosferica di anidride carbonica o biossido di carbonio (CO2), uno dei gas serra. Tale incremento di circa 2 ppm all'anno (in due secoli il valore della concentrazione è passato da 280 ppm a 380 ppm, il valore più alto da 650.000 anni a questa parte[15]) non ha eguali nella storia recente del pianeta ed è ritenuto legato all'uso di combustibili fossili che durante il periodo carbonifero (tra 345 e 280 milioni di anni fa) sono stati "fissati" nel sottosuolo ad opera della vegetazione e degli animali, passando dalla forma gassosa di CO2 a quella solida o liquida di petrolio, carbone o gas naturale. Negli ultimi 150-200 anni, a partire dalla rivoluzione industriale, la combustione dei giacimenti fossili ha invertito il processo avvenuto durante il periodo carbonifero, reimmettendo nell'atmosfera questo carbonio sepolto da milioni di anni sotto forma di enormi quantità di anidride carbonica (circa 27 miliardi di tonnellate all'anno[16]). Inoltre, secondo le stime, il pianeta riuscirebbe oggi a riassorbire, mediante la fotosintesi clorofilliana e l'azione delle alghe degli oceani, meno della metà delle emissioni, anche a causa della deforestazione[17]. L'attività umana ha infatti ridotto la biomassa vegetale in grado di assorbire la CO2 fin dalla rivoluzione agricola neolitica, trasformando i boschi in campi o città. Oggi la deforestazione (ad esempio in Amazzonia) è nettamente aumentata ed aggrava ulteriormente la situazione. A contribuire ulteriormente vi è la maggior produzione di metano da fermentazione dovuta ad un incremento significativo dell'allevamento intensivo e delle colture a sommersione (ad esempio il riso). La CO2 non è infatti l'unico gas serra, ma rappresenta solo lo 0,038% dei gas atmosferici e circa il 5% del totale dei gas serra, quando il vapore acqueo rappresenta lo 0,33% dei gas atmosferici e contribuisce per circa il 50% ai gas serra.

Sebbene nella storia del clima le variazioni nei livelli di CO2 osservate siano state successive alle variazioni di temperatura e non viceversa (esiste un ritardo di 800 anni tra i picchi di temperatura ed i corrispondenti picchi di CO2 nell'atmosfera), secondo il comitato di esperti delle Nazioni Unite (Intergovernmental Panel on Climate Change) l'attuale riscaldamento non può essere spiegato se non attribuendo un ruolo anche a questo aumento di concentrazione di CO2 nell'atmosfera.[18]

Va sottolineato che l'effetto serra è un fenomeno naturale e necessario per permettere alla superficie terrestre di avere temperature adatte alla vita, in particolare quella umana; ad esempio la decomposizione di piante ed animali morti o la normale attività geotermica dei vulcani emettono enormi quantità di gas serra, ma in questi casi si tratta di emissioni costanti o in lentissima evoluzione (dell'ordine di migliaia o milioni di anni) e per questo non ritenute problematiche. Anche in concomitanza di grandi eruzioni catastrofiche si sono determinate evidenti mutazioni del clima a livello globale (di solito però abbassando le temperature a causa delle eccezionali quantità di polveri emesse in atmosfera, come nel caso delle eruzioni dei vulcani Pinatubo o Krakatoa). Tuttavia questo genere di fenomeni, in epoche storiche, sono stati riassorbiti e non hanno comportato mutamenti permanenti del clima. A parte dunque tale effetto serra naturale, il problema è l'eccesso di riscaldamento dovuto ad un più marcato effetto serra, e dunque il conseguente surriscaldamento.

Surriscaldamento degli oceani [modifica]

L'incremento della CO2 dovuto alle fonti fossili è ulteriormente amplificato dal surriscaldamento degli oceani. Le acque marine contengono disciolta una grande quantità di CO2 ed il riscaldamento dei mari ne causa l'emissione in atmosfera. Inoltre, il riscaldamento dovuto all'aumento della temperatura produce una maggior evaporazione dei mari liberando in atmosfera ulteriori quantità di vapore acqueo, il principale gas serra, accrescendo ulteriormente la temperatura globale ed aumentando quantità e violenza di piogge ed uragani tropicalizzando il clima.

Variazione attività solare ed altri fattori cosmici

Variazione dell'irraggiamento solare negli ultimi 30 anni (la linea rossa indica la media annuale, quella gialla i valori giornalieri). Su circa 1366 watt totali, l'oscillazione è di pochi watt.

Verificando i dati di irraggiamento solare si può constatare come le variazioni dell'attività solare negli ultimi 30 anni siano state minime in rapporto invece ad un aumento della temperatura globale ben più marcato. Gli scienziati che sostengono questa teoria, pur ammettendo che la variazione dell'attività solare sia stata in passato uno dei possibili fattori che hanno influenzato le temperature, ritengono che oggi la gran parte del surriscaldamento globale sia dovuta ai gas serra.[19]

Retroazione

Quando una tendenza al riscaldamento provoca effetti che inducono ulteriore riscaldamento si parla di retroazione positiva, mentre quando gli effetti producono raffreddamento si parla di retroazione negativa. La principale retroazione positiva nel sistema climatico comprende il vapore acqueo, mentre la principale retroazione negativa è costituita dall'effetto della temperature sulle emissioni di radiazione infrarossa: all'aumentare della temperatura di un corpo, la radiazione emessa aumenta in proporzione alla potenza quarta della sua temperatura assoluta (legge di Stefan-Boltzmann). Questo effetto fornisce una potente retroazione negativa che stabilizza il sistema climatico nel tempo.

Uno degli effetti a retroazione positiva invece è in relazione con l'evaporazione dell'acqua. Se l'atmosfera è riscaldata, la pressione di saturazione del vapore aumenta e con essa aumenta la quantità di vapore acqueo nell'atmosfera. Poiché esso è un gas serra, il suo aumento rende l'atmosfera ancora più calda, e di conseguenza una maggiore produzione di vapore acqueo. Questo processo continua fino a quando un altro fattore interviene per interrompere la retroazione. Il risultato è un effetto serra molto più grande di quello dovuto alla sola CO2, anche se l'umidità relativa dell'aria rimane quasi costante[20].

Gli effetti di retroazione dovuti alle nuvole sono attualmente un campo di ricerca. Viste dal basso, le nuvole emettono radiazione infrarossa verso la superficie, esercitando un effetto di riscaldamento; vista dall'alto, le nuvole riflettono la luce solare ed emettono radiazione verso lo spazio, con effetto opposto. La combinazione di questi effetti risultano in un raffreddamento o in un riscaldamento netto a seconda del tipo e dell'altezza delle nuvole. Queste caratteristiche sono difficili da includere nei modelli climatici, in parte a causa della piccola estensione delle stesse nei modelli simulativi[20].

Un effetto più sottile è costituito dai cambiamenti nel gradiente adiabatico mentre l'atmosfera si scalda. La temperatura atmosferica diminuisce col l'aumentare dell'altezza nella troposfera. Poiché l'emissione di radiazione infrarossa è legata alla quarta potenza del valore della temperatura, la radiazione emessa dall'atmosfera superiore è minore rispetto a quella emessa dall'atmosfera inferiore. La maggior parte della radiazione emessa dall'atmosfera superiore viene irradiata verso lo spazio mentre quella dell'atmosfera inferiore viene riassorbita dalla superficie o dall'atmosfera. Quindi, l'intensità dell'effetto serra dipende da quanto la temperatura decresce con l'altezza: se essa è superiore, l'effetto serra sarà più intenso, mentre se è inferiore l'effetto sarà più debole. Queste misurazioni sono molto sensibili agli errori, rendendo difficile stabilire se i modelli climatici aderiscono alle osservazioni[21].

Andamento dei ghiacci nell'emisfero settentrionale
Andamento dei ghiacci nell'emisfero meridionale

Un altro importante processo a retroazione è costituito dall'albedo del ghiaccio[22]: quando la temperatura globale aumenta, i ghiacci polari si sciolgono ad un tasso superiore. Sia la superficie emersa che le acque riflettono meno la luce solare rispetto al ghiaccio, quindi la assorbono maggiormente. Per questo motivo aumenta il riscaldamento globale, che incrementa lo scioglimento dei ghiacci e continua il processo.

Il riscaldamento è anche un fattore scatenante per il rilascio di metano da varie sorgenti presenti sia sulla terra che sui fondali oceanici. Il disgelo del permafrost, come nelle torbiere ghiacciate in Siberia creano una retroazione positiva a causa del rilascio di anidride carbonica (CO2) e metano (CH4)[23]. Analogamente, l'aumento della temperatura degli oceani, può rilasciare metano dai depositi di idrati di metano e clatrati di metano presenti nelle profondità in base all'ipotesi dei clatrati. Questi fenomeni sono attualmente oggetto di intense ricerche.

Con il riscaldamento degli oceani si prevede una diminuzione della capacità degli ecosistemi oceanici di sequestrare il carbonio. Infatti il livello mesopelagico (situato ad una profondità compresa tra 200 m e 1000 m) subisce una riduzione delle quantità di nutrienti che limitano la crescita delle diatomee in favore dello sviluppo del fitoplancton. Quest'ultimo è una pompa biologica del carbonio meno potente rispetto alle diatomee[24].

Evoluzione delle temperature degli altri pianeti del Sistema solare

Di recente è stato osservato che tutti i pianeti del sistema solare starebbero subendo un aumento della temperatura[25]. I telescopi spaziali attraverso i sensori termici constatano un aumento della temperatura per il pianeta Giove di 10 °C come temperatura media. Su Marte l'aumento della temperatura è indicato anche dalla forte diminuzione delle calotte polari (che sono molto più fredde di quelle terrestri, contengono anidride carbonica ghiacciata, il famoso 'ghiaccio secco' usato per creare l'effetto nebbia negli spettacoli, oltre all'acqua ghiacciata).[26]. Anche nei pianeti più lontani come Urano, Nettuno e Plutone si constatano aumenti di temperatura. Fattori estranei alla Terra sembrerebbero quindi influenzare l'aumento della temperatura nel sistema solare, ma è ancora poco chiaro se si tratti dell'influenza del Sole (che come detto ha variato poco la sua attività -vedi grafico- ed è molto lontano dai pianeti coinvolti), delle variazioni di quantità della polvere interstellare (che filtra i raggi solari) o siano dovute ad altri fattori ancora sconosciuti[27]. Non esistono infatti ancora prove definitive per queste teorie, anche in considerazione della relativa novità degli studi[28]. Il fattore antropico e il ruolo svolto dalla biosfera sono invece cause unicamente presenti sul nostro pianeta.

Effetti del riscaldamento globale

Ambientali  

Cambiamento dell'accumulo nevoso sul Kilimanjaro, fra il 1993 ed il 2000. Il Kilimanjaro ha perduto l'82% delle nevi perenni nel XX secolo.

I modelli climatici elaborati dall'IPCC indicano un potenziale aumento della temperatura, durante il XXI secolo, compreso tra 1,4 e 5,8 °C.

Risulta tuttora molto difficile prevedere come realmente influirà sul sistema pianeta l'attuale riscaldamento globale, in quanto si tratterebbe di un evento senza nessun precedente in epoca storica. Inoltre, il clima globale è un sistema non lineare multifattoriale, per cui la climatologia può stabilire delle tendenze ma non eventi di dettaglio.

Alcuni effetti sull'ambiente e sulla vita umana sono, almeno in parte, già attribuiti al riscaldamento globale. Un rapporto del 2001 dell'IPCC suggerisce che il ritiro dei ghiacciai, la disgregazione delle calotte polari, l'aumento del livello dei mari, in particolare in quelle con minori tassi di evaporazione, a causa dell'espansione termica e dello scioglimento dei ghiacci continentali oltre che dei ghiacciai montani, le modifiche nella distribuzione delle piogge e l'aumento nell'intensità e frequenza di eventi meteorologici estremi sono attribuibili in parte al riscaldamento globale[29]. È tuttavia più difficile collegare eventi specifici al riscaldamento globale. Altri effetti previsti includono siccità in alcune aree ed inondazioni in altre, mutamenti nelle nevi delle montagne e conseguenze negative sulla salute dovute alle temperature maggiori[30].

Alcuni effetti, come l'aumento delle morti, degli esodi in massa e le perdite economiche, potrebbero essere esacerbati dall'aumento della densità di popolazione in alcune regioni[31], nonostante potrebbe essere mitigato il numero di vittime per le conseguenze dei climi freddi. Il quarto e più recente rapporto dell'IPCC riferisce delle prove scientifiche osservate di un incremento nell'intensità dei cicloni tropicali nell'Oceano Atlantico settentrionale a partire dal 1970, correlato all'aumento delle temperature superficiali del mare, ma le previsioni a lungo termine sono complicate dalla qualità dei dati antecedenti l'inizio delle osservazioni satellitari. Il rapporto afferma inoltre che non esiste un andamento chiaro nel numero annuale dei cicloni tropicali nel mondo[3]. Altri effetti anticipati comprendono l'innalzamento del livello dei mari di 180 — 590 mm nel 2090-2100 rispetto ai valori del periodo 1980-1999[3], ripecussioni sull'agricoltura, rallentamenti nella corrente nord-atlantica causati dalla diminuzione della salinità dell'Oceano Atlantico dovuta allo scioglimento dei ghiacci, riduzioni dello strato di ozono, aumento nell'intensità di eventi meteorologici estremi[32], acidificazione degli oceani e la diffusione di malattie come la malaria e la dengue[33][34]. Uno studio prevede che di un campione di 1 103 specie di piante ed animali, dal 18% al 35% si estingueranno per il 2050, in base ai futuri mutamenti climatici[35]. Tuttavia, pochi studi hanno documentato l'estinzione di specie a causa dei mutamenti climatici[36] e uno studio suggerisce che il tasso di estinzione è ancora incerto[37].

Tali cambiamenti porteranno a significative modificazioni degli habitat naturali andando ad incidere profondamente anche sugli equilibri socio-economici del pianeta.[38].

Gli effetti del riscaldamento climatico antropico potrebbero essere molto maggiori se non vi fosse stata una relativa riduzione dell'irraggiamento solare dovuta all'inquinamento atmosferico. Paradossalmente, una riduzione dell'inquinamento (in particolare degli SOx e del particolato) potrebbe portare ad un aumento delle temperature superiore a quanto ipotizzato.[39]

Il fenomeno ha profondamente modificato l'equilibrio dei ghiacci artici, tanto che l'[ESA] il 14 settembre 2008 ha annunciato l'apertura del celeberrimo Passaggio a nord-ovest a settentrione del continente nord americano, per il discioglimento dei ghiacci che lo avevano sempre reso impraticabile alla navigazione; cosa mai verificatasi nei 30 anni di misurazione.[40][41] Paradossalmente nello stesso mese (settembre 2007), i ghiacci Antartici hanno raggiunto la loro massima estensione (16,3 milioni di km², leggermente superiore alla media), da quando si effettuano registrazioni (1978) sulla calotta glaciale dell'Antartico; viceversa, l'anno seguente, l'estensione è stata fra le minori mai registrate.[42].

Nel giugno 2008, la rivista scientifica National Geographic, affermò che, lo strato dei ghiacci stagionali artici, sarebbe scomparso totalmente entro l'estate dello stesso anno, cosa che non si è verificata.[43]. Tuttavia a fine estate 2008 si è avuta la prima apertura totale sia del passaggio a nord-ovest che del passaggio a nord-est (ossia a settentrione della Russia) nel mare Artico. La spedizione DAMOCLES (Developping Arctic Modelling and Observing Capabillities for Long-term Environmental Studies) prevede la fusione totale di ghiaccio prima del 2020[44].

Ulteriori problemi

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Acidificazione degli oceani.

Molti problemi sono spesso citati come conseguenza del riscaldamento globale. Uno di essi è la riduzione del pH degli oceani per effetto dell'aumento della CO2 nell'atmosfera e di conseguenza l'aumento della quantità che si discioglie in acqua.[45]. Infatti la CO2 dissolta in acqua forma acido carbonico, che aumenta l'acidità. Si stima che il valore del pH all'inizio dell'era industriale era pari a 8,25 ed è diminuito a 8,14 nel 2004[46], con proiezioni che prevedono un'ulteriore diminuzione del valore di una quantità variabile tra 0,14 e 0,5 per il 2100[3][47]. Gli organismi e l'ecosistema sono adattabili solo ad uno stretto intervallo di valori del pH, quindi è statao ipotizzato un possibile evento di estinzione, che distruggerebbe la catena alimentare[48].

Economici

Proiezione dell'aumento delle temperature per vari scenari di stabilizzazione (bande colorate). La linea nera situata a metà dell'area grigia indica le stime migliori; le linee rosse e blu sono i limiti probabili. (IPCC Fourth Assessment Report)

Alcuni economisti hanno cercato di stimare i costi economici aggregati netti dei danni causati dai mutamenti climatici. Tali stime sono lontane da presentare conclusioni definitive: su circa un centinaio di stime, i valori variano da 10 $ per tonnellata di carbonio (3 dollari per tonnellata di anidride carbonica) fino a 350 dollari (95 dollari per tonnellata di anidride carbonica), con una media di 43 dollari per tonnellata di carbonio (12 dollari per tonnellata di anidride carbonica).

Lo Stern Review, un rapporto molto pubblicizzato sull'impatto economico potenziale, ha ipotizzato una riduzione del PIL globale di un punto percentuale a causa degli eventi meteorologici estremi e nello scenario peggiore la riduzione del 20% dei consumi globali pro capite[49].

La metodologia, e le conclusioni di questa pubblicazione sono state criticate da molti economisti[50], mentre altri hanno accolto favorevolmente il tentativo di quantificare il rischio economico[51][52].

Gli studi preliminari suggeriscono che i costi e i benefici della mitigazione del fenomeno di riscaldamento globale sono a grandi linee attorno alla stessa cifra[53].

In base al programma ambientale delle Nazioni Unite (United Nations Environment Programme - UNEP), i settori economici che dovranno affrontare con maggiore probabilità gli effetti avversi del cambiamento climatico includono le banche, l'agricoltura e i trasporti[54]. Le nazioni in via di sviluppo che sono dipendenti dall'agricoltura saranno particolarmente colpite[55].

Variazione della temperatura terrestre

Nel corso della storia della Terra si sono succedute ciclicamente modificazioni del clima che hanno portato il pianeta ad attraversare diverse ere glaciali alternate ad epoche più calde. Le cause di queste modificazioni climatiche sono state principalmente legate all'andamento dell'attività del sole o da quella eruttiva della Terra (per emissione di CO2). Circa 200 mila anni fa, queste significative variazioni del clima hanno permesso all'uomo il passaggio dello stretto di Bering, la colonizzazione dell'Australia o della Groenlandia (il cui nome significa "terra verde"). Attualmente, il pianeta sta uscendo da un periodo freddo denominato piccola glaciazione durato dal 1550 al 1800 che ha seguito il periodo medievale, più caldo (tra il 1100 ed il 1400).

Misure correttive

Il vasto consenso scientifico attorno al riscaldamento globale e le previsione di aumento delle temperature hanno convinto varie nazioni, aziende ed individui ad adottare delle misure per cercare di limitare questo fenomeno. Molti gruppi ambientalisti incoraggiano linee di condotta per i consumatori[56][57], ed è stato suggerito l'impiego di quote sulla produzione mondiale di combustibili fossili, indicandoli come una fonte diretta di emissioni di CO2[58][59].

Protocollo di Kyōto

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Protocollo di Kyōto.

Il principale accordo internazionale sul contrasto del riscaldamento globale è il Protocollo di Kyōto, un emendamento al United Nations Framework Convention on Climate Change negoziato nel 1997. Il Protocollo copre più di 160 nazioni globalmente e più del 55% delle emissioni di gas serra globali[60]. Solo gli Stati Uniti e il Kazakhstan non hanno ratificato il trattato.

Il Presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha contestato il Protocollo di Kyoto giudicandolo ingiusto ed inefficace per la soluzione del problema del riscaldamento globale, affermando che "esclude l'80 % del mondo, tra i principali stati per popolazione come Cina e India e potrebbe costituire una seria minaccia per l'economia degli Stati Uniti"[61]. Il governo statunitense ha invece proposto il miglioramento delle tecnologie per l'energia[62], mentre alcuni stati e città statunitensi hanno iniziato a supportare localmente il Protocollo di Kyoto, attraverso la Regional Greenhouse Gas Initiative[63]. Lo U.S. Climate Change Science Program è invece un programma di cooperazione tra più di 20 agenzie federali per indagare i cambiamenti climatici.

L'Europa ha recentemente proposto come soluzione al riscaldamento globale, oltre al supporto del Protocollo di Kyoto, il cosiddetto "Pacchetto Clima 20-20-20", che prevede l'aumento del 20% nell'efficienza energetica, la riduzione del 20% delle emissioni di gas serra e l'aumento del 20% della quota di energie rinnovabili entro il 2020[64].

Dibattito scientifico

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Oscuramento globale.

Per analizzare in modo accurato le modificazioni del clima, le Nazioni Unite hanno costituito una Commissione Intergovernativa sul Cambiamento Climatico (IPCC) che raccoglie accademici provenienti delle nazioni del G8. L'IPCC ha rilasciato nel corso degli anni diversi documenti in cui si afferma che la temperatura globale media è aumentata di circa 0,7 °C dalla fine del XIX secolo e che «la maggior parte del riscaldamento osservato durante gli ultimi 50 anni è attribuibile alle attività umane»[18] Le conclusioni raggiunte dall'IPCC sono basate anche da un'analisi di oltre 928 pubblicazioni scientifica dal 1993 al 2007, in cui si osserva che il 75% degli articoli accetta, esplicitamente o implicitamente, la tesi scientifica del contributo antropico al riscaldamento, mentre il restante 25% degli articoli copre unicamente metodologie o paleoclimatologia per cui non esprime opinioni in merito [65].

Ci sono ricercatori scettici sul ruolo antropico nell'attuale riscaldamento: essi rappresentano una minoranza nella comunità scientifica, sebbene negli ultimi anni il loro numero abbia conosciuto un certo aumento[66]. Tra questi "scettici" vi sono, tra gli altri, anche il discusso premio Nobel Kary Mullis, oltre che ex membri dei vari comitati IPCC come il metereologo Hajo Smit o Philip Lloyd. Le criticità espresse da tali ricercatori sono diverse e variano dalla politicizzazione e estremizzazione dei documenti conclusivi dell'IPCC fino alle perplessità sulla possibilità di stabilire una relazione tra aumento di CO2 e riscaldamento globale. Alcuni di essi inoltre rimarcano il ruolo di altri fattori naturali sul clima tra cui il principale sarebbe la variazione dell'attività solare ma anche l'effetto dei raggi cosmici avrebbe un ruolo sul mutamento climatico. Le loro criticità trovano peraltro riscontro nella diminuzione della temperatura media globale che si è verificata approssimativamente tra il 1940 e il 1976,[67] nonostante continuasse ad aumentare con la stessa costanza la concentrazione di CO2 nell'atmosfera nel medesimo intervallo di tempo. Inoltre, viene messa in dubbio anche la validità degli attuali modelli matematici utilizzati.[68] Queste tesi sono state raccolte in un documentario della CBC. Il matematico e fisico teorico Freeman Dyson, che fin dagli anni 70 teorizzava la necessità di attuare il sequestro del carbonio piantando nuovi alberi in aree enormi,[69] nel 2007 ha invece rivalutato la questione del riscaldamento globale affermando che "l'allarmismo sul riscaldamento globale è fortemente esagerato" dopo aver calcolato che "il problema dell'anidride carbonica nell'atmosfera è un problema di gestione del terreno, non un problema meteorologico". Secondo lo scienziato gli errori commessi sarebbero legati al fatto che nessun modello matematico atmosferico o oceanico è in grado di predire il modo in cui dovrebbe essere gestita la terra;[70][71] infine sottolinea che dovrebbero avere maggiore priorità altri problemi globali.[72]

Di contro, come rilevato dallo stesso articolo di Science, la grande maggioranza degli scienziati concorda sul fatto che sia necessario trovare urgentemente fonti energetiche alternative ai combustibili fossili: tra essi, per quanto riguarda l'Italia, vi è il premio Nobel Carlo Rubbia. In quest'ottica il ricorso al solare termodinamico e all'energia nucleare garantirebbe un importante contributo nella diminuzione delle emissioni di gas serra.[73] Molti sono gli scienziati che, pur riconoscendo il ruolo antropico, sono scettici riguardo alle misure adottate per contenere le emissioni e ritengono il protocollo di Kyōto sia troppo blando e poco incisivo in termini di risultati sul clima. Ad aumentare la perplessità vi è il fatto che i principali emettitori di anidride carbonica (USA e Cina) non lo applicheranno sulle proprie economie.

Va altresì rilevato che secondo la Union of Concerned Scientists circa 40 tra ricercatori ed organizzazioni che contestano il ruolo umano nei fenomeni di riscaldamento globale, si sono rivelati essere finanziati dalla ExxonMobil, di cui fa parte l'italiana Esso. Nel dossier della UCS si legge che la Exxon ha finanziato campagne di contestazione del riscaldamento globale a matrice antropica, elargendo dal 1998 al 2005 16 milioni di dollari a decine di organizzazioni, gruppi e ricercatori che si oppongono alla teoria.[74] I finanziamenti della Exxon sono stati biasimati dalla Royal Society (l'accademia nazionale inglese delle scienze). [75]

Al di là delle cause, è tutt'oggi tema di accese discussioni la reale entità e gli effetti del riscaldamento, dovute al fatto che il clima terrestre non è considerabile come un sistema statico, avendo presentato nella sua storia cambiamenti graduali ma intensi anche senza l'intervento dell'uomo. In tempi storici, si sono infatti avute oscillazioni della temperatura mai tuttavia così ampie come oggi: sia ai tempi dell'Impero Romano che nel Medioevo le temperature medie sono state leggermente più alte che in altri periodi, permettendo la colonizzazione della Groenlandia e la coltivazione estesa di viti nell'Europa del Nord. Entrambi questi periodi sono stati seguiti da periodi di raffreddamento climatico: a Londra il fiume Tamigi gelava tanto da permetterne il passaggio a cavallo e lo svolgimento di mercati natalizi sulla sua superficie ghiacciata. Paragonando questi grandi effetti alla piccolezza delle stimate variazioni (pochi decimi di grado, vedi grafico) di temperatura, si può avere un'idea di cosa potrebbe accadere con aumenti di qualche grado.

Dibattito politico

Il graduale incremento dei dati scientifici disponibili sul riscaldamento globale ha alimentato a partire dagli anni settanta un crescente dibattito politico che ha poi iniziato a considerare tra le sue priorità anche il contenimento delle emissioni dei gas serra e l'utilizzo di fonti energetiche alternative e rinnovabili.

Nel 2007 alcune organizzazioni internazionali hanno riconosciuto l'importanza della sensibilizzazione sul riscaldamento globale in atto nel nostro pianeta. Per la prima volta l'orologio dell'apocalisse è stato modificato con una motivazione non inerente esclusivamente il pericolo nucleare, ma anche sul mutamento climatico. Il premio Nobel per la pace è stato assegnato al Comitato intergovernativo sul cambiamento climatico e ad Al Gore, quest'ultimo ha organizzato il Live Earth e girato Una scomoda verità, film che ha ricevuto il premio Oscar al miglior documentario, anche se recentemente ha ricevuto molte critiche sulla sua attendibilità scientifica e sulla reale fondatezza di previsioni eccessivamente catastrofistiche.[76]


Anche a livello europeo il riscaldamento climatico è diventata una priorità. Sono attese, per la fine del 2008, una serie di misure legislative volte a ridurre i gas a effetto serra del 20%[77].


Bibliografia

Note

  1. ^ «L'andamento lineare aggiornato nell'arco di 100 anni (dal 1906 al 2005) di 0,74 °C (da 0,56 °C a 0,92 °C) è quindi maggiore rispetto all'andamento dal 1901 al 2000 fornito nel TAR di 0,6 °C (da 0,4 °C a 0,8 °C)». Summary for Policymakers (PDF) in Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Contribution of Working Group I to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. Intergovernmental Panel on Climate Change, 05-02-2007. URL consultato il 02-02-2007.
  2. '^ La temperatura superficiale globale è definita nellIPCC Fourth Assessment Report come la media delle temperature dell'aria nei pressi della superficie emersa e delle temperature dei mari
  3. ^ a b c d e f Summary for Policymakers (PDF) in Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Contribution of Working Group I to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. Intergovernmental Panel on Climate Change, 05-02-2007. URL consultato il 02-02-2007.
  4. ^ Originale: «most of the observed increase in globally averaged temperatures since the mid-twentieth century is very likely due to the observed increase in anthropogenic greenhouse gas concentrations»
  5. ^ «Recenti stime (Figura 9.9) indicano un effetto combinato relativamente piccolo delle forze naturale nell'evoluzione della media globale delle temperature nella seconda metà del XX secolo, con un lieve raffreddamento netto causato dagli effetti combinati del sole e dei vulcani» (traduzione dall'inglese, op. cit. p. 29; vedi anche figura 9.9 a p. 26 e la tabella FAQ 9.2-fig. 1 a p.41). Gabriele C. Hegerl; et al.. Understanding and Attributing Climate Change (PDF) in Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Contribution of Working Group I to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, pp. 690. Intergovernmental Panel on Climate Change, 07-05-2007. URL consultato il 20-05-2007.
  6. ^ «Senza gli effetti antropogenici, il riscaldamento nel XX secolo è lieve. Le simulazioni che includono solo le forze naturali portano ad un picco di riscaldamento nel XX secolo di circa 0,2 °C (1950), che viene ridotto di circa la metà nella fine del secolo a causa dell'incremento delle attività vulcaniche.»
    Ammann, Caspar, et al. (06-04-2007). Solar influence on climate during the past millennium: Results from ransient simulations with the NCAR Climate Simulation Model . Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America 104 (10): 3713-3718. DOI:10.1073/pnas.0605064103.
  7. ^ Il rapporto del 2001 è stato firmato dalle accademie scientifiche dei seguenti paesi: Australia, Belgio, Brasile, Canada, Caraibi, Cina, Francia, Germania, India, Indonesia, Irlanda, Italia, Malesia, Nuova Zelanda, Svezia e Regno Unito. Il rapporto del 2007 è stato sostenuto anche da Messico e Sudafrica. Tra le società scientifiche sono incluse: American Meteorological Society, American Geophysical Union, American Institute of Physics, American Astronomical Society, American Association for the Advancement of Science, Stratigraphy Commission of the Geological Society of London, Geological Society of America, American Chemical Society e Engineers Australia.
  8. ^ The Science Of Climate Change. Royal Society, maggio 2001. URL consultato il 04-01-2008.
  9. ^ Joint science academies' statement: Global response to climate change. Royal Society, giugno 2005. URL consultato il 04-01-2008.
  10. ^ Joint science academies' statement on growth and responsibility: sustainability, energy efficiency and climate protection (PDF). Potsdam Institute for Climate Impact Research, maggio 2007. URL consultato il 04-01-2008.
  11. ^ Sono attualmente circa 650 gli scienziati che presentano una posizone critica nei confronti delle conclusioni dell'IPCC
  12. ^ Don't fight, adapt. National Post, dicembre 2007. URL consultato il 18-11-2007.
  13. ^ «Tuttavia, la stragrande maggioranza degli scienziati che si occupano di cambiamenti climatici concordano sui punti principali»
    A guide to facts and fictions about climate change. Royal Society, marzo 2005. URL consultato il 18-11-2007.
  14. ^ Beyond the Ivory Tower: The Scientific Consensus on Climate Change. Science Magazine, dicembre 2004. URL consultato il 04-01-2008.
  15. ^ (EN) Atmospheric Methane and Nitrous Oxide of the Late Pleistocene from Antarctic Ice Cores. sciencemag.org, novembre 2005
  16. ^ Volcanic Gases and Their Effects. URL consultato il 07-09-2007.
  17. ^ Climate Change 2001: The Scientific Basis. Contribution of Working Group I to the Third Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. Summary for Policymakers. Intergovernmental Panel on Climate Change, 20-01-2001. URL consultato il 18-01-2007.
  18. ^ a b (EN) (PDF) Climate Change 2007. IPCC
  19. ^ http://www.conferenzacambiamenticlimatici2007.it/site/it-IT/Archivio/Primo_piano/Documenti/facciamochiarezza.html
  20. ^ a b Soden, Brian J., Held, Isacc M. (01-11-2005). An Assessment of Climate Feedbacks in Coupled Ocean-Atmosphere Models . Journal of Climate 19 (14). URL consultato il 21-04-2007.
  21. ^ Panel on Climate Change Feedbacks, Climate Research Committee, National Research Council, Understanding Climate Change Feedbacks, The National Academies Press, 2003. 166 ISBN 978-0-309-09072-8
  22. ^ Thomas F. Stocker; et al.. 7.5.2 Sea Ice in Climate Change 2001: The Scientific Basis. Contribution of Working Group I to the Third Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. Intergovernmental Panel on Climate Change, 20-01-2001. URL consultato il 11-02-2007.
  23. ^ Ian Sample. Warming Hits 'Tipping Point'. The Guardian, 11-08-2005. URL consultato il 18-01-2007.
  24. ^ Buesseler, Ken O., et al. (27-04-2007). Revisiting Carbon Flux Through the Ocean's Twilight Zone . Science 316 (5824): 567-570. DOI:10.1126/science.1137959. URL consultato il 16-11-2007.
  25. ^ http://www.livescience.com/environment/070312_solarsys_warming.html
  26. ^ http://www.space.com/scienceastronomy/mars_ice-age_031208.html
  27. ^ http://www.livescience.com/environment/050930_sun_effect.html
  28. ^ Forte aumento termico nel Sistema Solare
  29. ^ Climate Change 2001: Impacts, Adaptation and Vulnerability. Contribution of Working Group II to the Third Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. Intergovernmental Panel on Climate Change, 16-02-2001. URL consultato il 14-03-2007.
  30. ^ (2006). Climate change and human health: present and future risks . Lancet 367 (9513): 859-869. DOI:10.1016/S0140-6736(06)68079-3.
  31. ^ Summary for Policymakers (PDF). Intergovernmental Panel on Climate Change, 13-04-2007. URL consultato il 28-04-2007.
  32. ^ Knutson, Thomas R. (2008). Simulated reduction in Atlantic hurricane frequency under twenty-first-century warming conditions . Nature Geoscience 1: 359. DOI:10.1038/ngeo202.
  33. ^ M.L. Parry, O.F. Canziani, J.P. Palutikof, P.J. van der Linden, C.E. Hanson, Chapter 8: Human Health in Climate Change 2007: Impacts, Adaptation and Vulnerability. Contribution of Working Group II to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change , Cambridge (UK), New York (USA), Cambridge University Press, 2007. ISBN 978-0-521-88010-7
  34. ^ United Nations Development Program (Human Development Report), Human Solidarity in a divided world , Palgrave Macmillan, 2008. ISBN 0-230-54704-4
  35. ^ Thomas, Chris D., et al. (08-01-2004). Extinction risk from climate change . Nature 427 (6970): 138-145. DOI:10.1038/nature02121. URL consultato il 18-03-2007.
  36. ^ McLaughlin, John F., et al. (30-04-2002). Climate change hastens population extinctions . Proceedings of the National Academy of Sciences 99 (9): 6070-6074. DOI:10.1073/pnas.052131199. URL consultato il 29-03-2007.
  37. ^ Botkin, Daniel B., et al. (marzo 2007). Forecasting the Effects of Global Warming on Biodiversity . BioScience 57 (3): 227-236. DOI:10.1641/B570306. URL consultato il 30-11-2007.
  38. ^ http://www.conferenzacambiamenticlimatici2007.it/site/it-IT/Archivio/Primo_piano/Documenti/facciamochiarezza.html
  39. ^ (EN) Global Dimming II. realclimate.org, 2005
  40. ^ http://www.esa.int/esaCP/SEMYTC13J6F_index_0.html
  41. ^ http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/americas/6995999.stm
  42. ^ http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/current.area.south.jpg
  43. ^ (EN) North Pole May Be Ice Free for First Time This Summer
  44. ^ (EN) http://www.taraexpeditions.org/en/tara-damocles-conference-30th-of-october-2007-press-release.php?id_page=320
  45. ^ The Ocean and the Carbon Cycle. NASA, 21-06-2005. URL consultato il 04-03-2007.
  46. ^ Jacobson, Mark Z. (02-04-2005). Studying ocean acidification with conservative, stable numerical schemes for nonequilibrium air-ocean exchange and ocean equilibrium chemistry . Journal of Geophysical Research 110 (D7). DOI:10.1029/2004JD005220. D07302. URL consultato il 28-04-2007.
  47. ^ Caldeira, Ken, Michael E. Wickett (21-09-2005). Ocean model predictions of chemistry changes from carbon dioxide emissions to the atmosphere and ocean . Journal of Geophysical Research 110 (C09S04): 1-12. DOI:10.1029/2004JC002671. URL consultato il 14-02-2006.
  48. ^ John A. Raven et al.. Ocean acidification due to increasing atmospheric carbon dioxide. Royal Society, 30-06-2005. URL consultato il 04-05-2007.
  49. ^ At-a-glance: The Stern Review. BBC, 30-10-2006. URL consultato il 29-04-2007.
  50. ^ Richard S. J. Tol, Gary W. Yohe (2006). A Review of the Stern Review .
  51. ^ J. Bradford DeLong. Do unto others...
  52. ^ John Quiggin. Stern and the critics on discounting
  53. ^ Terry Barker. Full quote from IPCC on costs of climate change. Financial Times, 14-04-2008. URL consultato il 14-04-2008.
  54. ^ Andrew Dlugolecki; et al.. Climate Risk to Global Economy (PDF) in CEO Briefing: UNEP FI Climate Change Working Group. United Nations Environment Programme, 2002. URL consultato il 29-04-2007.
  55. ^ Thomas Schelling: Developing Countries Will Suffer Most from Global Warming (PDF) in Resources 164. URL consultato il 01-03-2008.
  56. ^ WWF. Generazione Clima. URL consultato il 05-11-2008.
  57. ^ Greenpeace. Come salvare il clima (PDF). URL consultato il 05-11-2008.
  58. ^ Climate Control: a proposal for controlling global greenhouse gas emissions (PDF). Sustento Institute. URL consultato il 10-12-2007.
  59. ^ George Monbiot. Rigged - The climate talks are a stitch-up, as no one is talking about supply. (HTML). URL consultato il 22-12-2007.
  60. ^ Kyoto Protocol Status of Ratification (PDF). United Nations Framework Convention on Climate Change. URL consultato il 27-04-2007.
  61. ^ Originale: "exempts 80 percent of the world, including major population centers such as China and India, from compliance, and would cause serious harm to the U.S. economy."
    George W. Bush. Text of a Letter from the President to Senators Hagel, Helms, Craig, and Roberts. Office of the Press Secretary, March 13, 2001. URL consultato il 2007-11-21.
  62. ^ State of the Union Address 2008
    "Gli Stati Uniti si impegnano a rafforzare la propria sicurezza energetica e a confrontarsi sul cambiamento climatico globale. Il miglior modo per l'America di raggiungere questi scopi è continuare a guidare lo sviluppo di una tecnologia più pulita ed efficiente energeticamente."
  63. ^ Regional Greenhouse Gas Initiative. URL consultato il 07-11-2006.
  64. ^ UE. Azione per il clima - Azione dell'UE contro i cambiamenti climatici. URL consultato il 05-11-2008.
  65. ^ (EN) Beyond the ivory tower: The Scientific Consensus on Climate Change. sciencemag.org, dicembre 2004
  66. ^ http://epw.senate.gov/public/index.cfm?FuseAction=Files.View&FileStore_id=83947f5d-d84a-4a84-ad5d-6e2d71db52d9
  67. ^ D. Rapp, Assessing Climate Change - Temperatures, Solar Radiation, and Heat Balance, Springer Berlin Heidelberg, 2008, ISBN 978-3-540-76586-8
  68. ^ Antonino Zichichi, Il clima non è matematico
  69. ^ (EN) Larry Lohmann, The Dyson Effect - Carbon 'Offset' Forestry and The Privatization of the Atmosphere, luglio 1999
  70. ^ Freeman Dyson, Many Colored Glass: Reflections on the Place of Life in the Universe, University of Virgina Press, 2007 ISBN 0-8139-2663-7.
  71. ^ (EN) American Physical Society newsletter, maggio 1999
  72. ^ (EN) University of Michigan 2005 Winter Commencement Address
  73. ^ Si vedano: Intervista di Repubblica a Rubbia, 2005 e Articolo su Repubblica, 2006.
  74. ^ (EN) "Scientists' Report Documents ExxonMobil’s Tobacco like Disinformation Campaign on Global Warming Science
  75. ^ (EN) "Royal Society tells Exxon: stop funding climate change denial (4 settembre 2006)
  76. ^ (EN) Judge attacks nine errors in Al Gore's 'alarmist' climate change film
  77. ^ Parlamento e cambiamento climatico, binomio vincente articolo pubblicato sul sito web del Parlamento europeo il 27 agosto 2008

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni